Emergenza Corona Virus

 

Sanificazione degli ambienti di lavoro

La crescente richiesta di attività di SANIFICAZIONE di ambienti pone un interrogativo importante al quale vogliamo rispondere e con il quale derimere tutti dubbi che ci pervengono dai nostri amati clienti.

Chi può effettuare le attività di sanificazione delle superfici?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo innanzitutto dire che la normativa è semplice e chiara. La Legge 82/1994 prima e il D.M. 274/1997 dopo definiscono che le attività di SANIFICAZIONE possono essere svolte da quelle aziende iscritta alla CCIAA e che rispondano a questi 3 semplici criteri:

  1. avere descritto nello statuto che siano descritte tra le attività anche quelle di sanificazione e disinfezione
  2. essere iscritti con il codice ATECO 81.29.10
  3. aver nominato per l’attività di Sanificazione un Preposto alla Gestione Tecnica (quella figura preposta che detiene i requisiti di onorabilità e di funzione richiesti).
  4. Che siano specificati in modo chiaro ed inequivocabile che l’azienda è rispondente alla normativa per le lettere di abilitazione professionale:
  5. Disinfezione
  6. Disinfestazione
  7. Derattizzazione
  8. Sanificazione

Detto questo vi tranquillizziamo la nostra società risponde pienamente a tutti questi criteri.

La Sanificazione è intesa come l’azione combinata di pulizia e/o disinfezione e/o disinfestazione mirata ad abbattere o contenere la carica batterica e gli agenti contaminanti non rimovibili con le comuni pulizie. Le soluzioni da noi proposte sono in linea con le indicazioni del Ministero della Salute circa l’uso di prodotti specifici (BIOCIDI e/o P.M.C.) nelle concentrazioni suggerite.  Gli interventi di disinfezione vengono effettuati da personale altamente specializzato e formato continuamente tramite apparecchiatura U.L.V. (Ultra Low Volume – Ultra Basso Volume) quindi tramite la nebulizzazione del principio attivo e la sua dispersione in particelle finissime in grado di aggredire la superficie precedentemente trattata con tensioattivi o saponi la cui funzione è di creare micelle in grado di aggredire lo sporco (EPS – Epopolisaccaride) costituito da zuccheri e grassi e allontanare questo dalla superficie e rendere quindi i microbi e i virus “scoperti” e facilmente attaccabili dai disinfettanti.  Le applicazioni in ULV hanno l’obiettivo di ottimizzare la resa del trattamento e, grazie ad esse, è possibile ottenere una sanificazione a 360°, arrivando a trattare anche le zone più scomode da raggiungere.

Le fasi:

  1. Sopralluogo tecnico per determinare luoghi, tempi e modalità con cui verrà effettuato l’intervento effettuato da tecnico specializzato secondo una checklist specifica secondo la UNI EN ISO 9001:2015 e la UNI EN 16636:2015;
  2. Intervento dei tecnici con nebulizzatore;
  3. Contestuale erogazione del servizio anche per mezzo di attrezzature manuali a bassa pressione;
  4. Arieggiatura dei locali;
  5. Riapertura del locale e rilascio del certificato di avvenuto intervento.
 

Agevolazioni per la Sanificazione Ambienti di Lavoro

Decreto Legislativo 18/2020


"Con il Decreto Legislativo 18/2020 viene fornita la possibilità di usufruire di un Credito d'Imposta pari al 50% della spesa sostenuta per gli per interventi di sanificazione degli ambienti e strumenti di lavoro. Il tetto massimo del credito è di 20.000 Euro ed i fondi sono disponibili fino ad esaurimento degli importi stanziati."

 
CONTATTI

Per informazioni e prenotazione interventi potete contattarci con il seguente form.
Oppure chiamare il numero:


+39 085 95 95 03

info@disinfestazionisrl.com

 

Certificazioni



La certificazione di qualità è un’attestazione rilasciata da un ente competente ad un organizzazione o una azienda che soddisfino un insieme di norme stabilito a livello internazionale. Sono un titolo di riconoscimento e la Disinfestazioni Srl è un’azienda certificata in: